Casa di mare

0

a storia italiana

Marco Buticchi


“Casa di mare” di Marco Buticchi è un romanzo “privato” che la sua maestria di Grande Scrittore qual è fa diventare il “romanzo di tutti”: una reale storia di famiglia (la storia di suo padre, momenti, vicende, eventi, vicissitudini del grande imprenditore Albino Buticchi) narrata con un afflato romanzesco, dettato da un grande amore filiale che traspare velatamente sin dall’inizio, che coinvolge il lettore pagina dopo pagina da tenerlo come incollato alla “necessità” di dovere scorrere i capitoli per arrivare alla fine.

Parecchi senz’altro ricordano le vicende di Albino Buticchi, imprenditore di umili origini che crea in breve tempo un impero economico invidiabile e di altissima levatura (affascinante il modo incalzante con cui l’Autore racconta i percorsi evolutivi della crescita ed espansione delle attività economiche del padre, dal commercio in prodotti petroliferi, alla presidenza del Milan, alla diversificazione delle sue attività imprenditoriali): ma che egli stesso “brucia” quasi del tutto nel gioco d’azzardo, che lo porterà a tentare il suicidio ben due volte.

Il primo dei due tentativi di suicidio narrati, il più eclatante ed emotivamente toccante, il cui racconto apre e conclude il libro, è il colpo di pistola alle tempie che Albino Buticchi scocca dopo un’ingente perdita di denaro al Casinò di Montecarlo: colpo emesso che va contro le sue stesse “aspettative”, non facendolo morire ma lasciandolo per sempre cieco e mutando radicalmente il corso della vita sua e di tutti gli altri familiari (l’Autore-figlio Marco fra questi).

…Quale motivo poteva esistere perchè qualcuno compisse un gesto simile?”, si chiedono più volte il figlio Marco ed altri; “…il rischio, illogico quanto ammaliante, era parte integrante della vita di Albino; osare sempre sino al punto di rottura della corda, era una sua prerogativa, lui amava mettere in gioco tutto ad ogni posta; gli uomini con queste caratteristiche non conoscono le mezze misure…”; “…L’importante è sapere cogliere l’attimo e approfittare dell’abbrivio sino a che l’onda si frange; il carattere di Albino non ne era però capace: la sua irrequietezza sapeva trasformarsi in un attimo in inquietudine, e l’inquietudine in ansia…”: sono affermazioni e momenti descrittivi importanti dell’Autore, che traccia egregiamente le sue incertezze e dubbi su quanto viveva all’epoca dei fatti, sostenute dalle sue prese di coscienza e conoscenza del presente in cui scrive.

È evidente che anche Albino Buticchi, come altri imprenditori del presente o del passato, o anche peraltro come altri noti personaggi nel campo artistico o dello spettacolo, presentasse un “disturbo bipolare dell’umore”: l’iperattività (ipertimia), iperprogettualità e intraprendenza costanti nella sua vita, sprezzante anche dei rischi a cui andava incontro (talvolta anche ai limiti della legalità), la frenesia temperamentale che lo attanagliava, l’impulsività frequente nelle sue scelte di vita e di lavoro, la dipendenza dal gioco d’azzardo (ludopatia), la familiarità (uno zio e una sorella hanno effettuato tentativi di suicidio), sono tutti aspetti clinici essenziali per descrivere un disturbo bipolare.

L’intraprendenza di un imprenditore è essenziale nella sua attività di vita e di lavoro, ed è socialmente e lavorativamente utile, a se stesso, alla società e all’economia della Nazione; ma se questa intraprendenza si estremizza sempre più (senza colpa, e senza … scelta: il disturbo bipolare è una malattia, e come tale indipendente dalla volontà del soggetto), si ottengono tutti i risvolti negativi di questa strana medaglia che, se non adeguatamente curata con i cosiddetti farmaci “regolatori dell’umore”, rischia di portare spesso a negatività e situazioni di vita critiche, quando non tragiche.

Pensiamo solo invece cosa cambierebbe, in meglio, se un grande imprenditore (o un grande artista, della musica o dello spettacolo) potesse curarsi adeguatamente “stabilizzando la sua bipolarità”: la Società, tutti, beneficerebbero nel tempo della grandezza intellettiva di questi personaggi.

La malattia bipolare non è una malattia intellettivamente invalidante o involutiva, e non riduce l’intelligenza del soggetto: ecco per qual motivo, come racconta l’Autore, lui e la sorella fecero grande fatica per fare interdire il padre Albino allo scopo di limitare il dilapidare i propri beni nel gioco; per loro in quel momento sembrava l’unica soluzione possibile (ma che invece, come ho descritto, sarebbe stata un’altra).

L’Autore Marco Buticchi, raccontando in modo affascinante e romanzato la storia di suo padre, ha dato un notevole contributo letterario alla cultura italiana; ma anche la possibilità di potere approfondire gli aspetti della malattia bipolare dell’umore e le modalità con cui essa si “fonde” mascherandosi nella vita quotidiana.

Giuseppe Tavormina, Psichiatra
Presidente del “Centro Studi Psichiatrici”
Segretario dell’ “European Depression Association (EDA)” e dell’ “EDA Italia Onlus”
Senior Research Fellow of Bedforshire Centre-University of Cambridge (BCMHR-CU)
clicca qui per scaricare
Share.

Comments are closed.